CulturaIN CITTA'Onori a Luigi Gallotta: un uomo, un fotografo, un cavaliere

La miseria, la fame ma anche la laboriosità del contado, le primizie della ridente piana del Sele, il fascismo e lo sbarco alleato, le prime industrie conserviere ed il mutamento dei costumi all’indomani della seconda guerra: un’umanità in evoluzione quella raccontata dagli scatti di Luigi Gallotta testimone oculare non solo della storia cittadina, ma dell’intera provincia salernitana.
A venticinque anni dalla scomparsa Eboli celebra con un convegno il maestro, tra i pochi del Novecento a cogliere l’importanza della fotografia come racconto del presente, del quotidiano.

Nato l’11 maggio 1898 patì gli orrori della grande guerra. Chiamato al fronte nel 1917 fu testimone della disfatta di Caporetto, durante la quale fu ferito e privato della sua attrezzatura fotografica. Ma sopravvisse e tornò nella sua città, continuando a raccontarne le vicende. Era consapevole del suo lavoro, per lui la fotografia era condensare nella fissità dell’attimo il racconto di una storia, scegliendo con meticolosa lucidità (che conservò fino alla fine) luoghi e persone. Si spense il 20 febbraio del 1995.

Gran parte del suo patrimonio fu svenduto dallo stesso per poche lire e, pochi anni prima della morte, fu ceduto al Comune affinché fosse preservato ai posteri: oltre 45 mila scatti su lastra e pellicola di cui appena la metà oggi digitalizzata e consultabile sulla piattaforma Ebad (su cui ci sarebbe tanto altro da dire, ndr).  

Questa sera un convegno renderà omaggio a Gallotta, “un uomo, un fotografo, un Cavaliere”. L’appuntamento è alle ore 18 presso la biblioteca comunale Augelluzzi con la partecipazione dell’archivista Franco Manzione, del fotografo Alfonso Scarpa, discepolo del maestro; di Giuseppe Barra, editore de “Il saggio”, della nipote Lucrezia Gallotta. Per i saluti interverranno il sindaco Massimo Cariello e l’assessore alla Cultura, Angela Lamonica.

 

Articolo pubblicato su “Il Quotidiano del Sud_ ediz. Salerno”
il 20 febbraio 2020

Emanuela Carrafiello

Emanuela Carrafiello

Giornalista

Lascia un commento