BazArtAl Pan coloristi a confronto, in mostra opere di Borella e Tornquist

E’ il colore il protagonista dell’evento in corso al Pan di Napoli con la mostra “Rocco Borella / Jorrit Tornquist – coloristi a confronto”. C’è ancora tempo, fino al 10 giugno, per visitare gratuitamente l’esposizione dedicata alle opere dei due rappresentanti del colorismo.

Centinaia di visitatori hanno finora potuto apprezzare le opere di Rocco Borella e Jorrit Tornquist, esposte al PAN di Napoli nell’ambito della mostra “Rocco Borella / Jorrit Tornquist – coloristi a confronto”, che sarà visitabile presso lo spazio loft del museo partenopeo fino al prossimo 10 giugno. Dopo il successo del vernissage, il numero di presenze degli appassionati di arte e dei curiosi è costantemente cresciuto, confermando le attese della vigilia che preannunciavano un’ottima risposta da parte della città di Napoli all’iniziativa.

La mostra è curata da Agostino Cuccaro e Luigi Di Vaia, sotto l’egida del DAMA, Daphne Museum Art, progetto espositivo itinerante voluto da quest’ultimo. Le opere esposte sono introdotte dai testi critici di Luciano Caprile, già curatore di prestigiose esposizioni (Botero, De Chirico, Modigliani) e redattore di alcuni testi d’arte inseriti nei cataloghi antologici di alcuni dei più importanti musei internazionali.
I tre, collaborando alla realizzazione della mostra “Rocco Borella / Jorrit Tornquist – coloristi a confronto”, hanno inteso offrire al pubblico un’esposizione parallela che intende fornire un prezioso apporto alla conoscenza del ruolo del colorismo nell’arte contemporanea del XX° e XXI° secolo. Si tratta di una una corrente artistica che assegna all’atto pittorico un’importanza maggiore rispetto al disegno preparatorio precedentemente realizzato sul supporto del dipinto. Il colore, generalmente steso senza che sulla tela o sulla tavola sia realizzato un minuzioso disegno a guida della futura opera, diviene così elemento principale del linguaggio espressivo degli artisti afferenti a tale movimento pittorico E le opere di due dei più grandi rappresentatati di questo movimento artistico saranno ancora a Napoli fino al 10 giugno. Un’occasione da non perdere per ammirare capolavori unici, nel contesto di una delle città più affascinanti del mondo. 

 

Redazione Eolopress

Redazione Eolopress

Lascia un commento