TerritorioAgroalimentare: sì dalla Regione al super distretto del Sele

“E’ una giornata storica per il nostro territorio“, commenta con orgoglio il presidente di Coldiretti Salerno, Vito Busillo, “il riconoscimento del Distretto Agroalimentare di Qualità è una notizia  che gratifica il lavoro di mesi. Questo si traduce in un’opportunità di sviluppo per le aziende agricole, che avranno benefici in termini economici e occupazionali”.
Poi lo stesso aggiunge: “Abbiamo dato vita a un distretto grazie alla cooperazione tra i consorzi di tutela dei prodotti igp della rucola e del carciofo e di tutte le aziende del territorio; un lavoro di squadra che porterà a una crescita sostenibile del comparto ortofrutticolo e di tutta la piana del Sele. Il distretto non è solo uno strumento di aggregazione perché, oltre a dare l’opportunità di fare rete tra le diverse realtà produttive, permette di intercettare fondi comunitari per dare immediato impulso alla competitività e alla crescita”.

Come già raccontato qualche settimana fa dal nostro giornale l’approvazione da parte della Regione Campania del “super” distretto dell’agroalimentare di qualità è frutto di un intenso lavoro condotto in questi mesi da Coldiretti Salerno per coinvolgere operatori, aziende agricole e consorzi di tutela del territorio.  
Alla definizione del distretto agroalimentare di qualità, che punta sulla competitività di un prodotto a marchio di qualità  (così come definiti dall’art. 16 del Reg. 1305/13, comma a) hanno contribuito tra i primi i consorzi di tutela dei molteplici prodotti riconosciuti, richiedendo un atto di responsabilità da parte dei produttori chiamati a garantire sulla qualità degli alimenti.

LEGGI articolo correlato

Redazione Eolopress

Redazione Eolopress

Lascia un commento