DemosLAVORORistobar solidale a Leopoli: ente benefico ucraino promuove il progetto sperimentale

Harry di Prisco Harry di Prisco12/01/2020308

Fare beneficenza mettendo a disposizione strumenti e risorse umane per creare impresa. La Ulyana Kuzyk Charitable Foundation, ente di beneficenza a struttura privata e senza fini di lucro, viene in soccorso alle persone fragili e vulnerabili, promuovendo la ristrutturazione di un locale per fornire attraverso servizi dedicati un aiuto a chi ne ha veramente bisogno

Alla base di una società realmente inclusiva ci deve essere la piena e buona occupazione di tutti i cittadini, l’inclusione sociale attraverso il lavoro delle persone che si trovano in condizioni di fragilità e vulnerabilità. I vari piani integrati territoriali, dovrebbero individuare il reale fabbisogno di misure per le persone fragili e vulnerabili, a cui dovrebbero seguire azioni utili all’inserimento nel mondo del lavoro e all’inclusione sociale. L’attuazione delle misure, finanziate dagli  enti pubblici, è un compito precipuo degli enti di formazione e dei soggetti privati accreditati per i servizi per il lavoro al fine di consentire l’inserimento lavorativo e l’inclusione sociale di soggetti fragili e vulnerabili. Purtroppo non sempre è possibile realizzare i progetti poiché i fondi messi a disposizione dalle Istituzioni sono sempre minori. Per venire incontro alle esigenze dei più deboli, talvolta vengono in loro soccorso i privati, aziende e fondazioni.

Un valido esempio è in fase di realizzazione in questi giorni in Ucraina, prima iniziativa del genere del Paese,  nella città di Leopoli (Lviv in ucraino), l’ultima perla sconosciuta d’Europa, nota anche come la piccola Parigi dell’Est. 
La nuova impresa sociale Café Basilik, fondata dall’organizzazione di beneficenza “Ulyana Kuzyk Charitable Foundation” e di recente costituzione, sorgerà in una zona accogliente e attraente della città di Leopoli (T. Chuprynky, 67-69 General Street) e opererà in locali di 168 metri quadrati messi a disposizione dal Municipio della città, che sono totalmente da ristrutturare. L’immobile è nelle vicinanze dell’amministrazione statale regionale di Frankivsk, NLLTU; del Tribunale distrettuale di Frankivsk di Leopoli e di altre piccole imprese.  

L’attività principale del caffè Basilik è la ristorazione, la cui componente sociale fornirà un supporto collettivo per la risoluzione di problemi comuni a categorie vulnerabili di persone, in particolare a  vedove e a madri di bambini con bisogni particolari, sarà strutturata come una fornitura di  assistenza sociale senza alloggio.
Adiacente al caffè sarà attrezzata un’area dove le madri, che prestano la loro opera nel locale, potranno lasciare i loro figli che saranno accuditi da altre madri. Lo scopo della realizzazione dell’impresa sociale “Café BASILIK” è quello di coinvolgere uno specifico gruppo comune, di circa venti persone,  in un’assistenza congiunta e  reciproca, che torni di utilità agli stessi partecipanti all’impresa.
Parte dei profitti del caffè saranno devoluti alla risoluzione di specifici problemi sociali di una determinata categoria di persone vulnerabili.

Gli obiettivi che si prefigge il progetto sono quelli di  riunire un gruppo sociale specifico di individui per l’imprenditorialità nel campo della fornitura di servizi alimentari.
Lo studio preliminare ha evidenziato i principali fattori per il successo dell’iniziativa del bar, che si trova in una posizione centrale e confortevole, quali la vendita di prodotti, come la pasta,  preparati in loco con l’utilizzo di soli ingredienti naturali senza semilavorati con una produzione  a ciclo completo.
Sarà prevista la cooperazione attiva con i servizi online che forniscono guide turistiche in città. Verranno realizzati una serie di eventi ed incontri piacevoli da tenere in un’atmosfera rilassata, mentre i  menù sono stati studiati per le esigenze dei vari tipi di clientela.

L’ investimento complessivo è  di 1.862.028 UAH (pari a circa 70.000 Euro), è prevista poi una integrazione con fondi propri  per  850.000 UAH (pari a circa 32.000 Euro). Il periodo di rimborso del progetto è di 40 mesi, con un periodo di ritorno dell’investimento di 21 mesi,  rientro semplice sull’investimento – 30% convenienza – 18%.

Il “Café Basilik” sarà aperto anche per la colazione, mentre il ristorante offrirà piatti e bevande della cucina ucraina ed europea, come ad esempio:
ricotta  con panna acida, farina d’avena con noci, mele e semi di papavero, uova alla benedettina con salsa al basilico, farina d’avena con noci, salmone affumicato con uovo di quaglia, tiramisù e torte al limone; verranno servite bevande originali come limonata allo zenzero o agli agrumi e al basilico, oppure lampone e zenzero; spremute di arancia, di pompelmo, di carote o mele; vari assortimenti di Tè, tisane, caffè e cioccolata  con marmellata.

La Fondazione (bfucraina@gmail.com) cerca chi può sostenere l’iniziativa per ristrutturare il locale e fornire altri aiuti per poter far nascere questo  progetto caritatevole che non ha fine di lucro, ma che conta di aiutare chi ha veramente bisogno. Anche l’invio di prodotti alimentari, attrezzature per ristorante  e mobilio dall’Italia sarebbe particolarmente utile, con trasporto a cura delle linee di autobus che collegano l’Italia con Leopoli che si auspica si faranno carico delle spese di trasporto. Ci auguriamo che ci sia chi possa fare una buona azione a favore dei nostri amici ucraini, magari con l’intento dell’inserimento in quel mercato dell’ Est dell’Europa.

“Gli uomini per essere liberi, è necessario prima di tutto che siano liberati dall’incubo del bisogno”, è questo uno dei pensieri più significativi  di Sandro Pertini il quale auspicava che a prevalere fossero il dialogo sul sopruso, la condivisione sull’egoismo, il bene comune sull’interesse privato.

 

 

 

Harry di Prisco

Harry di Prisco

Giornalista

Lascia un commento