SaluteI malati di sclerosi multipla non sono tutti uguali, dipende dalla Regione

«C’è una profonda disparita’ di trattamento e presa in carico delle persone affette da sclerosi multipla sul territorio nazionale, solo sei Regioni (Sicilia, Veneto, Toscana, Lazio, Emilia Romagna e Puglia) hanno infatti adottato l’applicazione nelle aziende e nei territori di percorsi diagnostico- terapeutici- assistenziali, mentre in altre sette sono in corso di elaborazione o in fase di avvio, e tra queste c’è la Campania.

{source}
<script async src=”//pagead2.googlesyndication.com/pagead/js/adsbygoogle.js”></script>
<!– Sottotop menu –>
<ins class=”adsbygoogle”
 style=”display:inline-block;width:694px;height:90px”
 data-ad-client=”ca-pub-5807540174219874″
 data-ad-slot=”2846875425″></ins>
<script>
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});
</script>
{/source}

È quanto emerge dal ‘Barometro della Sclerosi Multipla 2016′, un nuovo strumento messo a punto dall’Aism e dalla sua Fondazione in grado di misurare la realta’ di questa complessa condizione.
L’indagine e’ stata presentata oggi al ministero della Salute.
“In Italia c’e’ una profonda disparita’ di trattamento e presa in carico delle persone con Sclerosi Multipla- fanno sapere gli esperti- mancano linee guida e standard nazionali, si nota una accentuata separazione tra ospedale e territorio e tra sistema sanitario e servizi sociali, fortissimi sono gli squilibri tra Regioni e territori nell’accesso ai farmaci, ai servizi, agli ausili. Basti pensare che il 70% di chi ha una disabilita’ grave- hanno concluso- riceve aiuto solo dalla famiglia”.

 

Redazione Eolopress

Redazione Eolopress

Lascia un commento