AGORA'Terzo settore: premiate le giornaliste di Paper Boy

In un Salone dei Marmi gremito da oltre 200 cittadini, si è svolta la cerimonia di consegna dei riconoscimenti del Premio “Elena Giuliano”, organizzato dal Soroptimist International di Salerno. Protagoniste assolute della manifestazione le praticanti giornaliste Francesca Citro, Santa La Marca e Annamaria Sersante della redazione di Paperboy.

{source}
<script async src=”//pagead2.googlesyndication.com/pagead/js/adsbygoogle.js”></script>
<!– Sottotop menu –>
<ins class=”adsbygoogle”
style=”display:inline-block;width:694px;height:90px”
data-ad-client=”ca-pub-5807540174219874″
data-ad-slot=”2846875425″></ins>
<script>
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});
</script>
{/source}

L’evento è stato organizzato dal Soroptimist International Salerno, presieduto dalla dottoressa Paki Memoli. “PaperBoy”, laboratorio giornalistico dedicato a ragazzi disabili nato nel dicembre 2013, ha dato vita all’omonimo periodico (testata regolarmente registrata presso il Tribunale di Salerno) edito dalla Cooperativa Sociale “Il Villaggio di Esteban” e realizzato in collaborazione con l’associazione Giovamente. Tredici sono i ragazzi attualmente impegnati in un percorso formativo sull’attività di giornalista e tre di questi, avendo concluso il percorso di praticantato, hanno già presentato istanza di iscrizione all’Ordine dei Giornalisti della Campania.

E’ stato il Sindaco di Salerno Vincenzo Napoli ad aprire i lavori del convegno che ha preceduto la cerimonia di premiazione, sottolineando la necessità di sostenere iniziative simili in una realtà come quella salernitana, dove le politiche sociali rivestono carattere prioritario nell’azione amministrativa di governo della città. Negli interventi – poi – di Umberto Adinolfi (giornalista de Il Mattino e direttore di PaperBoy), Luca Goffredo (presidente dell’associazione Giovamente), Gaetano Memoli (associazione Prima Luce), Carlo Noviello (presidente de Il Villaggio di Esteban) e la giornalista Cinzia Ugatti, si sono toccati i tratti salienti di una professione, quella giornalistica, che riveste ancora oggi un valore assoluto nelle democrazie, dove la pluralità d’informazione è la cartina di tornasole di un Paese civile e democratico.

Per l’occasione sono state esposte in sala le opere degli artisti Regina Senatore, Loredana Spirineo e Pasquale Mastrangelo. E’ stata infine la dottoressa Paki Memoli a coordinare la cerimonia finale di premiazione, con la consegna di una targa e di un omaggio floreale alle tre giornaliste di Paperboy.

 

Redazione Eolopress

Redazione Eolopress

Lascia un commento