LAVOROGiovani e lavoro: quattro stage formativi all’Acs

Quattro giovani diplomandi l’Istituto di Istruzione Superiore “G. Galilei” di Salerno potranno integrare, dal prossimo mese di settembre, le attività formative con un percorso pratico-esperienziale presso gli uffici dell’Associazione dei Costruttori Salernitani, in via Galloppa a Salerno.

 

{source}
<script async src=”//pagead2.googlesyndication.com/pagead/js/adsbygoogle.js”></script>
<!– Sottotop menu –>
<ins class=”adsbygoogle”
style=”display:inline-block;width:694px;height:90px”
data-ad-client=”ca-pub-5807540174219874″
data-ad-slot=”2846875425″></ins>
<script>
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});
</script>
{/source}

È quanto prevede un protocollo d’intesa siglato nel pomeriggio di ieri dal presidente dell’ACS Salerno, Antonio Lombardi, e dal dirigente scolastico dell’IIS Galilei, Emiliano Barbuto.

L’attività sarà coordinata da due tutor, uno designato dalla scuola e uno dall’ACS, seguirà un percorso formativo personalizzato, coerente con il profilo educativo, culturale e professionale dell’indirizzo di studi dei ragazzi, e culminerà con la certificazione finale delle competenze acquisite.

«Questa attività – ha commentato il dirigente dell’IIS Calilei, Emiliano Barbuto – si svolgerà seguendo una fase d’aula, preparatoria all’esperienza pratica sul campo, ed in una successiva attività svolta in cantieri e attività produttive sul territorio individuate dall’Associazione dei Costruttori Salernitani, in base alle esigenze formative dei giovani stagisti. Ringraziamo l’Associazione dei Costruttori Salernitani che ancora una volta ha inteso sostenere concretamente il nostro impegno formativo volto all’integrazione esperienziale scuola-lavoro per i ragazzi, che, senza simili iniziative, sconterebbe grosse difficoltà pratiche attuative».

«Con questa iniziativa vogliamo aiutare i giovani ad entrare in contatto col mondo del lavoro – è il commento del presidente di ACS Salerno, Antonio Lombardi – Sarà un’importante occasione di scambio culturale tra scuole e imprese in un momento di forte stallo per il settore, attraverso il quale i ragazzi potranno approfondire le difficoltà pratiche ed operative del lavoro di cantiere: un lavoro difficile, complesso, ma anche bello, affascinante e ricco di soddisfazioni».

cs

Redazione Eolopress

Redazione Eolopress

Lascia un commento