pianadelseleReferendum costituzionale: ad Eboli si lavora al “comitato per il no”

EBOLI (SA)- Anche nella piana del Sele si apre il dibattito sulla opportunità di costituire un “comitato per il no al referendum sulle modifiche della Costituzione imposte dal Governo Renzi” e questa sera se ne discuterà in un primo appuntamento pubblico aperto alla cittadinanza. 

Domenica scorsa decine di persone, espressione di forze e movimenti politici e culturali, oltre che singoli cittadini, hanno accolto l’invito ad incontrarsi per avviare una seria discussione in merito alla costituzione del “comitato epr il no”.  

“E’ stata una discussione appassionata e di alto profilo- si legge nella nota inviata alla stampa-  che ha consentito di porre l’accento sui rischi per l’agibilità democratica nel nostro paese. Il combinato disposto dello stravolgimento  della Costituzione, della legge  elettorale  Italicum, e di altre normative drammaticamente negative (come quella sulla scuola e quella sul lavoro) finiscono per rappresentare una vera minaccia alla nostra democrazia, soprattutto se considerate in un contesto di un’ Europa  che, decisamente, non sembra avere fra i suoi principali obiettivi la tutela degli spazi democratici ed è tutta tesa, viceversa, a garantire i grandi interessi finanziari, diventando ben altra cosa da quella che i grandi europeisti avevano immaginato”.
{source}
<script async src=”//pagead2.googlesyndication.com/pagead/js/adsbygoogle.js”></script>
<!– Sottotop menu –>
<ins class=”adsbygoogle”
style=”display:inline-block;width:694px;height:90px”
data-ad-client=”ca-pub-5807540174219874″
data-ad-slot=”2846875425″></ins>
<script>
(adsbygoogle = window.adsbygoogle || []).push({});
</script>
{/source}

“Un battaglia, quella referendaria, che sicuramente verrà ad essere svolta in un clima non favorevole- si legge ancora- vista l’attenzione dei cittadini rivolta ad altre drammatiche e più contingenti questioni, a partire da quella del lavoro. Pesano la grande sfiducia che ormai regna verso le forze politiche e le istituzioni, e l’allinearsi dei mezzi di informazione ridotti al ruolo di portavoce delle posizioni del Governo. 
A questa battaglia, però, una città dalle tradizioni democratiche come Eboli non può e non vuole sottrarsi. 
Una battaglia che va condotta con grande determinazione, con il coinvolgimento di tutti i cittadini al di là di ogni appartenenza politica o culturale, recuperando il valore della costante presenza nei quartieri e nelle piazze per una capillare opera di informazione, utilizzando in modo intelligente i moderni mezzi di comunicazione, ponendosi l’obiettivo di favorire la nascita dei comitati “per il no” in tutti i paesi della piana del Sele”.

Il percorso che si è delineato nella riunione ebolitana di domenica scorsa prevede  un primo appuntamento per il 22 gennaio, al quale sono stati invitati a partecipare tutti i soggetti ed i cittadini  interessati, per definire la convocazione di una assemblea pubblica cittadina da tenersi nella prima decade di febbraio, in cui prenda forma il comitato.

 

Redazione Eolopress

Redazione Eolopress

Lascia un commento