ARCHIVIOTerzo Settore al collasso: irruzione al Forum per l’infanzia

World Forum Infanzia NA

NAPOLI- Si dovrebbe parlare dei diritti dei minori ma a rubare la scena nella prima giornata del World Forum dell’infanzia, che ha aperto oggi i battenti e che per quattro giorni fara’ di Napoli la capitale dei diritti dei bimbi, e’ la protesta degli operatori del terzo settore. Nella giornata dedicata ai saluti delle istituzioni locali, tutte presenti, sono una ventina di operatori sociali a rubare l’attenzione.

 

Accade dopo l’intervento del sindaco di Napoli De Magistris e mentre il presidente della provincia partenopea Pentangelo si accinge a prendere la parola: srotolano uno striscione con la scritta ”Basta tagli sulla pelle dell’infanzia e di chi lavora” e un loro rappresentante va al microfono per spiegare le ragioni della protesta.

”Napoli ospita l’ennesimo forum, un’altra passerella per gli artefici della tragedia che si sta consumando nei nostri territori – spiegano i manifestanti che espongono cartelli con appelli scritti in inglese e rivolti ai relatori. Il fondo per le politiche sociali negli ultimi tre anni e’ stato letteralmente azzerato. Siamo al collasso. In sala entra la polizia, ma la protesta si conclude e i lavori riprendono regolarmente. A loro risponde il governatore campano Stefano Caldoro: ”Siamo noi i primi a protestare, per le condizioni di tanti minori nel mondo e per i servizi, che anche nel nostro Paese, sono ridotti. Ma bisogna lavorare sulle soluzioni. Le risorse le abbiamo individuate, arriveranno e saranno utilizzate con la massima trasparenza”.

Gli interventi messi in campo dalla Regione Campania sono stati illustrati dall’assessore regionale alle Politiche Sociali Ermanno Russo:”la filosofia degli interventi degli ultimi anni e’ tutta caratterizzata dall’esigenza di rispondere alla domanda di infrastruttura sociale che viene dal territorio (asili nido e micro-nidi) ma anche a quella relativa alla conciliazione dei tempi di vita e di lavoro (politiche family friendly).

”Contestualmente – ha proseguito – stiamo sperimentando, ed e’ la prima volta in Campania, accordi territoriali di genere per consentire alle donne che lavorano di poter vivere con tranquillita’ la propria maternita’ e allo stesso tempo alle aziende di poter godere di un incentivo per la sostituzione di queste stesse. una misura innovativa, finanziata dalla regione con 7 milioni di euro, tutte risorse europee”.

In precedenza era stato il sindaco di Napoli Luigi De Magistris a dare il benvenuto ai tanti esperti convenuti per l’appuntamento: ”Napoli – ha detto – e’ gia’ ritornata citta internazionale e questa e’ la strada giusta”. Cosa si puo’ fare per i bambini? Il sindaco ha le idee chiare:”Sempre piu spazi verdi e giardini”. Spetta a Matilda Raffa Cuomo, presidente dei mentoring Usa-Italia che con la fondazione ‘L’albero della vita’ organizza l’evento sottolineare il ruolo fondamentale dell’educazione. ”C’e’ sempre piu’ bisogno di educazione – ha detto l’ex first lady dello Stato di New York – e in tutta la mia carriera, in qualita’ di sostenitore dei bambini e della famiglia, sono stata testimone della profonda differenza che un mentore puo’ significare nella vita di un’altra persona”.

In mattinata, Matilda Cuomo era stata la madrina dell’intitolazione a suo figlio Andrew dell’Istituto Professionale di Stato per l’Industria e l’Artigianato (Ipsa) di Nocera Inferiore, in provincia di Salerno. Un riconoscimento voluto dall’amministrazione comunale di Nocera per l’illustre concittadino, emigrato negli Stati Uniti alla ricerca di migliori condizioni di vita.

Redazione Eolopress

Redazione Eolopress

Lascia un commento