http://www.eolopress.it/index/wp-content/uploads/2019/01/spuma-marina.jpg

Respirare lo “spray marino” che evapora dalle onde inibirebbe un particolare gene che svolge un ruolo importante nel tumore al polmone e nei livelli di colesterolo, è quanto hanno scoperto i ricercatori belga dell’Università di Gand e dell’Istituto fiammingo per il mare (VLIZ). Considerare l’aria di mare come toccasana, dunque, non è solo un banale luogo comune, una credenza da sfatare ma da oggi una verità scientifica.  Secondo la ricerca belga lo “spray marino” –...

http://www.eolopress.it/index/wp-content/uploads/2018/12/banano.jpg

E’ una equipe internazionale di ricercatori guidata da Tina Moor a lavorare su nuovi materiali partendo dalla pianta banano, apprezzata non solo per i prelibati ed ormai immancabili frutti, ma anche per le fibre naturali contenute nel fusto.  Secondo i ricercatori dell’Alta scuola di Lucerna le fibre naturali contenute nella pianta, simili alla iuta o al lino, hanno attirato l’attenzione degli scienziati. Dopo il raccolto, quasi sempre, i fusti vengono bruciati ma il loro potenziale è...

http://www.eolopress.it/index/wp-content/uploads/2018/12/cometa_natale.jpg

Comincia a dare spettacolo 46P/ Wirtanen, la cosiddetta Cometa di Natale che, giorno dopo giorno, si avvicina al nostro pianeta illuminando l’oscurità della notte. Un aumento progressivo della luminosità che porterà la chioma dell’oggetto ad una lunghezza paragonabile a quella della Luna piena, nonostante si tratti di un oggetto relativamente piccolo, con un nucleo di appena un chilometro. Il 16 dicembre prossimo la cometa di Natale raggiungerà il punto di massimo avvicinamento alla Terra, con una distanza di appena 11,5...

http://www.eolopress.it/index/wp-content/uploads/2018/12/Ricerca_Marina-Montresor_Mariella-Ferrante_Monia-Russo.jpg

E’ un unico gene a determinare il sesso nelle alghe marine unicellulari (diatomee) alla base della catena alimentare degli oceani. A rivelarlo è uno studio pubblicato dalla rivista Nature communications e condotto dal team della stazione zoologica Anton Dohrn di Napoli, con la SISSA di Trieste e l’Università belga di Ghent. Si tratta di un meccanismo semplice che amplia la conoscenza della biologia di base ed ha importanti implicazioni sia in campo ecologico che biotecnlogico.  “Nel corso dei...

http://www.eolopress.it/index/wp-content/uploads/2018/12/topo-.jpeg

Solo due mesi fasi si è diffuso rapidamente l’annuncio che il virus dell'”epatite E” del ratto può anche contagiare l’uomo. I media di mezzo mondo avevano, infatti, rilanciato la notizia di un uomo di 56 anni che era stato contagiato da un “parente molto lontano” della variante umana del virus, come avevano confermato i ricercatori dell’Università di Hong Kong che ne avevano seguito il caso. Ora, un altro paziente sarebbe stato contagiato sempre a Hong...