http://www.eolopress.it/index/wp-content/uploads/2018/12/Eboli_viaPhilipson-700x720.jpg

A Dino Philipson Eboli ha intitolato una strada e fu un orgoglio per chi ebbe modo di conoscerlo. Visse a lungo in città confinato dal regime fascista perché ebreo, alloggiava in piazza Borgo, in molti ancora oggi ricordano “il professore”. Nel 1944 fu nominato sottosegretario alla presidenza del Consiglio nel primo governo Badoglio (1944) e da subito si adoperò affinché Eboli fosse ripulita dalle macerie della guerra.  La città oggi così ripaga l’uomo e ne preserva...

http://www.eolopress.it/index/wp-content/uploads/2018/12/Eboli_viaSpiritoSanto_transenne-1095x720.jpg

Non si sa bene a cosa servano queste quattro transenne e se siano lì a tutela dell’incolumità dei cittadini, considerando la perplessità di pedoni e automobilisti difronte a tale impedimento.  Sarà forse per la pericolosità del muro sovrastante, profonde le crepe sulle pareti, sarà per l’impraticabilità del marciapiede, che il tempo e l’incuria hanno logorato e reso inesistente, le transenne posizionate lungo la strada testimoniano la presenza dell’amministrazione pubblica. Peccato che “quando la musica finisce,...

http://www.eolopress.it/index/wp-content/uploads/2018/10/Eboli_viaXXIVMaggio.png

Uno schiaffo al decoro e alla tanto decantata igiene urbana, le condizioni del marciapiede in via XXIV Maggio, che costeggia l’istituto scolastico “V. Giudice”, sono da far accapponare la pelle. L’enorme cloaca in pieno centro, preferita da piccioni e animali a quattro zampe che si sentono liberi di defecare ovunque, è ubicata proprio lungo il marciapiede dove affaccia l’ingresso secondario al plesso scolastico, una porta sul retro che si spalanca al mattino per il passaggio...

http://www.eolopress.it/index/wp-content/uploads/2018/10/Eboli_viaCeffato3.jpg

Degrado e incuria in via Ceffato, difronte alla chiesa del Sacro Cuore. Pedoni costretti lungo la carreggiata per la presenza di lavori di manutenzione su un lato della strada che conduce ai semafori e l’impraticabilità del marciapiede, fagocitato da flora rigogliosa, che in alcuni tratti ne ha compromesso il piano di calpestio, oggi sconnesso e molto pericoloso.