Cultura“Luna rossa”: la conquista sovietica dello spazio nel libro di Massimo Capaccioli

Nel cinquantenario del primo sbarco sulla luna, martedì 8 ottobre 2019, ore 16,00, alla Biblioteca nazionale di Napoli si presenta il libro “Luna rossa” di Massimo Capaccioli (Carrocci ed. 2019). Ne discutono con l’autore: Pietro Greco, giornalista scientifico e Filippo Maria Zerbi , Presidente Nazionale INAF coordina  Vittorio Dini, introduce Francesco Mercurio direttore della Biblioteca.

L’ astrofisico italiano Massimo Capaccioli ripercorre in modo vivace e coinvolgente tutte le tappe della corsa allo spazio e  dedica il suo recentissimo volume non agli americani che giunsero per primi sulla luna ma ai sovietici che diedero il via alla sfida dello spazio con  lo Sputnik e i coraggiosi cosmonauti come Jurij Gagarin, Valentina Tereškova e Aleksej Leonov.

Per quasi 20 anni le imprese spaziali assurgono a terreno della guerra fredda tra USA e URSS, nelle pagine la lunga storia fatta di ambizioni, abnegazione, patriottismo, colpi bassi, gelosie, errori  ma anche dei capricci della sorte. Furono, infatti,  gli americani a tagliare per primi il filo di lana, il 20 luglio 1969, ma furono i russi il 4 ottobre 1957 a lanciare lo Sputnik, il primo satellite artificiale della storia. Un mese dopo (il 3 novembre 1957)  i sovietici replicano con il lancio di un altro Sputnik. C’è a bordo la cagnetta Laika, il primo essere vivente a sfidare lo spazio.
Evento in collaborazione col Dipartimento di Scienze Umane dell’Università Federico II di Napoli e con l’ Istituto Italiano per gli Studi Filosofici.

Massimo Capaccioli (Montenero d’Orcia, 19 aprile 1944)
Astrofisico italiano. Maremmano, nel 1969 si è laureato in fisica all’Università di Padova dove ha iniziato la propria carriera come assistente, professore stabilizzato e associato di meccanica celeste. Nel 1986 è diventato astronomo ordinario presso l’Osservatorio di Padova e nel 1989 ordinario di astronomia all’Università di Padova. Nel 1995 ha trasferito la cattedra all’Università di Napoli Federico II, che ha tenuto sino alla pensione, nel 2014. Attualmente è professore emerito. Già direttore dell’Osservatorio Astronomico di Capodimonte dal 1993 al 2005, è stato presidente della Società Astronomica Italiana per un decennio e presidente generale della Società Nazionale di Scienze Lettere e Arti in Napoli. (da wikipedia)

Redazione Eolopress

Redazione Eolopress

Lascia un commento