IN CITTA'Tra i vicoli del borgo antico il presepe vivente dell’oratorio San Francesco

“Il senso e’ quello di consolidare e rafforzare una comunità” così si legge nella presentazione del presepe vivente dell’oratorio San Francesco della parrocchia di Santa Maria del Carmine, in programma ad Eboli il 28 e il 29 dicembre.
Il conto alla rovescia è già partito da tempo e nel centro storico da settimane c’è fermento per realizzare l’iniziativa.

Tra le stradine e le piazze dell’antico borgo i figuranti, con in dosso le vesti della tradizione, daranno vita ad un lungo corteo che toccherà i luoghi più caratteristici (piazza porta dogana, piazza Attrizzi, via Giudice) animati da antiche botteghe, come quella del vasaio, realizzata dal gruppo archeologico ebolitano. 
Il “viaggio verso Betlemme” che anche quest’anno ha registrato numerose adesioni si arricchisce, contando anche sulla presenza degli animali: caprette, galline, e perfino un asinello faranno da comparsa. «Gli animali incuriosiscono i bambini che si avvicinano a questa forma di presepe», spiegano gli organizzatori che approfittano dei social per ringraziare la comunità e quanti spontaneamente aderiscono all’iniziativa, tra cui Maria Marino, per aver confezionato i vestiti, il gruppo teatro dei ragazzini diretto da Raffaele Scocozza, Antonella Tedesco.
Dopo la celebrazione eucaristica alle ore 18 venerdì 28 dicembre il centro storico si animerà per accogliere il presepe vivente. 
L’appuntamento è alle ore 19 fino alle 23, con replica il giorno successivo.  

Eboli/centro storico_Il percorso
Redazione Eolopress

Redazione Eolopress

Lascia un commento

Articoli collegati

{{ image }}

{{ title }}

{{ date }} {{ comments }}
{{ viewcount }}
{{ author }}
{{ image }}

{{ title }}

{{ date }} {{ comments }}
{{ viewcount }}
{{ author }}
{{ image }}

{{ title }}

{{ date }} {{ comments }}
{{ viewcount }}
{{ author }}