Nasce  la «carta Paestum»: sinergia tra Regioni per promuovere il turismo

Nasce la «carta Paestum»: sinergia tra Regioni per promuovere il turismo

Nasce la 'Carta di Paestum' per un sistema interregionale di sviluppo integrato. E' stata lanciata nell'ambito della XIX edizione della Borsa mediterranea del turismo archeologico, in corso a Paestum (Salerno), dove si è svolta la seduta pubblica della commissione congiunta degli assessori al Turismo e degli assessori ai Beni e alle Attività culturali della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome.


Le competenze e i ruoli della figura della guida turistica e lo sviluppo del turismo digitale i due temi più caldi discussi nell'incontro, in cui si è ribadita la necessità di far viaggiare in sinergia cultura e turismo. Un punto che sarà al centro del documento strategico di intenti definito 'La Carta di Paestum', che la Commissione congiunta presenterà presto al governo e in cui si propone appunto un sistema interregionale di sviluppo turistico integrato.

La Bmta è promossa dalla Regione Campania in collaborazione con la Città di Capaccio Paestum, la Provincia di Salerno, il Parco archeologico di Paestum, la Scabec spa Società Campana per i Beni Culturali e ideata e organizzata dalla Leader srl con la direzione di Ugo Picarelli.
''L'Enit auspica un ritorno di tutte le regioni a una presenza internazionale unitaria sotto l'unico 'cappello' Italia'', ha detto il direttore esecutivo dell'Agenzia nazionale del turismo, Gianni Bastianelli, intervenendo alla Borsa, dove si è svolto anche il Consiglio federale Enit con le Regioni.

Nell'occasione, è stato non solo presentato il piano dei workshop all'estero in programma fino a gennaio ma, soprattutto, è stato sottoposto ai rappresentanti delle Regioni ed enti locali presenti (Basilicata, Calabria, Campania, Emilia Romagna, Friuli Venezia Giulia, Lazio, Liguria, Lombardia, Piemonte, Provincia autonoma di Trento, Toscana, Umbria, Valle d'Aosta, Veneto) l'elenco di 22 fiere internazionali a cui l'Enit propone di partecipare compatti nel 2017 per presentare l'offerta italiana.
Tra gli appuntamenti proposti, la Fitur di Madrid in programma a gennaio, l'Itb di Berlino, la più importante piattaforma business per l'offerta turistica globale prevista a marzo, l'Imex di Francoforte programmata a maggio e incentrata sul turismo congressuale, l'Iltm di Cannes dedicata all'accoglienza luxury, Hana Travel Mart di Seul a giugno rivolta al Trade, alla stampa e al pubblico. In base al numero delle adesioni delle Regioni e all'interesse qualificato con progetti specifici, l'Enit delibererà nel prossimo consiglio di amministrazione il piano delle partecipazioni. ''Auspicando - ha sottolineato ancora Bastianelli - che le Regioni che si presenteranno all'estero portino con sé operatori altamente qualificati, in modo da dare un'immagine appetibile del Paese''.

 


 

 

 

La Borsa Mediterranea del Turismo Archeologico si conferma un evento originale nel suo genere: sede dell’unico Salone espositivo al mondo del patrimonio archeologico e di ArcheoVirtual, l’innovativa mostra internazionale di tecnologie multimediali, interattive e virtuali; luogo di approfondimento e divulgazione di temi dedicati al turismo culturale ed al patrimonio; occasione di incontro per gli addetti ai lavori, per gli operatori turistici e culturali, per i viaggiatori, per gli appassionati; opportunità di business nella suggestiva location del Museo Archeologico con il Workshop tra la domanda estera selezionata dall’Enit e l’offerta del turismo culturale ed archeologico.

 

Un format di successo testimoniato dalle prestigiose collaborazioni di organismi internazionali quali UNESCO,UNWTO e ICCROM oltre che da circa 10.000 visitatori, 100 espositori con 20 Paesi esteri, 58 tra conferenze e incontri, 300 relatori, 120 operatori dell’offerta, 100 giornalisti.

 

Il Salone Espositivo (con i Laboratori di Archeologia Sperimentale, gli ArcheoIncontri e ArcheoVirtual), il Museo Archeologico Nazionale (Conferenze, Workshop con i buyers esteri), la Basilica (Conferenza di apertura, ArcheoLavoro, Incontri con i Protagonisti) il Tempio di Cerere (Incontri con i Protagonisti) sono le le suggestive location nell’area archeologica della città antica di Paestum, sito Unesco dal 1998.

 

Nel sottolineare sempre più l’importanza che il patrimonio culturale riveste come fattore di dialogo interculturale, d’integrazione sociale e di sviluppo economico, ogni anno la Borsa promuove la cooperazione tra i popoli attraverso la partecipazione e lo scambio di esperienze: Egitto, Marocco, Tunisia, Siria, Francia, Algeria, Grecia, Libia, Perù, Portogallo, Cambogia, Turchia, Armenia, Venezuela, Azerbaigian, India sono stati negli anni i Paesi Ospiti. La stretta collaborazione con le Regioni determina anche la scelta di una Regione Ospite Ufficiale.

 

Numerose le sezioni speciali: ArcheoIncontri per conferenze stampa e presentazioni di progetti culturali e di sviluppo territoriale; ArcheoLavoro orientamento post diploma e post laurea con presentazione dell’offerta formativa a cura delle Università presenti nel Salone; ArcheoStartUp in cui si presentano nuove imprese culturali e progetti innovativi nelle attività archeologiche; Incontri con i Protagonisti nei quali il grande pubblico interviene con i noti divulgatori della TV; Laboratori di Archeologia Sperimentale per la divulgazione delle tecniche utilizzate nell’antichità per realizzare i manufatti di uso quotidiano; Premio “A. Fiammenghi” per la migliore tesi di laurea sul turismo archeologico; Premio “Paestum Archeologia” assegnato a coloro che contribuiscono alla valorizzazione del patrimonio culturale; visite guidate ed educational per giornalisti e visitatori.
Dal 2015 si è aggiunto l’International Archaeological Discovery Award “Khaled al-Asaad”, il Premio intitolato al Direttore del sito archeologico di Palmira, che ha pagato con la vita la difesa del patrimonio culturale: la Borsa eArcheo in collaborazione con le riviste media partner internazionali Antike Welt (Germania), Archéologie Suisse(Svizzera), Current Archaeology (Regno Unito), Dossiers d’Archéologie (Francia) selezionano e premiano le principali scoperte archeologiche dell’anno.

 

Nel Salone Espositivo partecipano Istituzioni, Enti, Paesi Esteri, Regioni, Organizzazioni di Categoria, Associazioni Professionali e Culturali, Aziende e Consorzi Turistici, Società di Servizi, Case Editrici.

 

 

 

Letto 398 volte
Vota questo articolo
(0 Voti)