«Progetto 22» si ferma ad Eboli: Andrea Devincenzi incontra gli studenti

«Progetto 22» si ferma ad Eboli: Andrea Devincenzi incontra gli studenti

"Primo importantissimo obiettivo di Progetto 22 è sostenere, supportare e risvegliare nei giovani la consapevolezza delle incredibili potenzialità che ognuno ha dentro di sé" l'atleta paralimpico Andrea Devincenzi si fa portavoce di un’esperienza, dove tutti, non solo i ragazzi, possono cogliere elementi importanti e fondamentali per la propria vita. Nasce "Progetto 22" che in un centinaio di incontri organizzati da nord a sud dell'Italia coinvolgerà gli studenti, attraverso esempi concreti.


Tra le tappe previste in Campania, Andrea Devincenzi si è fermato ad Eboli per incontrare gli studenti del liceo scientifico “A.Gallotta”. L’incontro formativo con i ragazzi si è svolto ieri 16 novembre nell’aula magna della scuola ebolitana, dalle ore 9.30 alle ore 12,30. Il  campione paralimpico Andrea Devicenzi, animatore di "Progetto 22" ha avuto modo di raccontare la sua personale esperienza difronte ad una platea di studenti delle classi terze e quarte.


“All’età di 17 anni un grave incidente motociclistico mi ha causato l’amputazione della gamba sinistra - così si racconta il campione e aggiunge - un evento tragico che ha per sempre cambiato la mia vita! Fortunatamente se ne è andata una gamba, ma non la voglia di vivere ogni giorno della mia vita”. Un campione che non si ferma: “Ho capito che per raggiungere il successo sportivo, familiare, lavorativo non contava il numero delle mie gambe, ma tutto ciò che avevo nella testa. Così, nel 2007, ho iniziato un’attività agonistica nel ciclismo paralimpico accettando nuove sfide, ogni volta sempre più importanti”. 

Andrea Devicenzi, dopo aver subìto l’amputazione della gamba sinistra ha iniziato l’attività ciclistica fino a raggiungere il livello agonistico. Ha superato numerosi traguardi tra cui i campionati europei di Paratriathlon e il viaggio in India in solitario, percorrendo 700 km in otto giorni in bicicletta raggiungendo il KardlungLa a quota 5.602. 

Nel 2014 nasce Progetto 22, iniziativa voluta da un gruppo di amici, coach e genitori, con la volontà di contribuire alla crescita dei giovani: “La nostra mission è garantire supporto, motivazione e stimolo ai ragazzi, attraverso esempi concreti e mediante il coinvolgimento diretto, in attività di sviluppo e crescita”.

All’evento formativo hanno preso parte il dirigente scolastico Anna Gina Mupo, il sindaco di Eboli, Massimo Cariello e l’assessore alla P.I. Angela Lamonica. Coordinerà i lavori la prof.ssa Annamaria Petolicchio.

 

Letto 73 volte
Vota questo articolo
(0 Voti)