Paestum: on line reperti mai visti. Nasce la rivista digitale del Parco archeologico

Paestum: on line reperti mai visti. Nasce la rivista digitale del Parco archeologico

Condividere il patrimonio archeologico pubblicando ogni mese "il pezzo mai visto". E' questa l'iniziativa editoriale messa in campo dal parco archeologico di Paestum, che presenta al pubblico un nuovo strumento di comunicazione: la rivista digitale mensile. 

 

Scopo dell'iniziativa è approfondire e comprendere il lavoro che c'è dietro un oggetto antico, entrando nella "vita del Parco”, con ampio spazio dedicato alle persone che ogni giorno s'impegnano per conservare, promuovere e valorizzare le architetture e le opere del sito Unesco. 
"Conoscenza, bellezza, partecipazione", questi i temi intorno ai quali si articolerà il progetto del Parco e che oltre alla divulgazione di informazioni a tutto campo, punta alla valorizzazione di reperti archeologici mai esposti al pubblico.  
 

Uno spazio della rivista, infatti, sarà dedicato al “pezzo del mese”: un reperto conservato nei depositi verrà esposto nel museo per dare l’opportunità ai visitatori di vedere opere che altrimenti sarebbero riservate solo ad un pubblico di studiosi e sarà il direttore Gabriel Zuchtriegel a presentare l'oggetto in un video, dove si illustrerà "il pezzo mai visto”. Per il mese di ottobre il video è stato realizzato da "Italian Zoetrope". L’editoriale sarà a cura del direttore e ogni mese sarà una "scoperta". 

La rivista sarà pubblicata sui canali web (sito + social) del museo e iscrivendosi tutti potranno riceverla sulla propria posta elettronica. 

 



Letto 137 volte
Vota questo articolo
(0 Voti)