Industria e servizi, traino dell'economia salernitana. Ma pochi i giovani e i laureati assunti

Industria e servizi, traino dell'economia salernitana. Ma pochi i giovani e i laureati assunti

Si registrano nuovi ingressi nel mondo del lavoro, 6.800 le new entry nelle imprese salernitane del settore privato dell’industria e dei servizi, ma solo il 25% di queste godrà di un contratto a tempo indeterminato o di apprendistato, nel 75% dei casi saranno contratti di lavoro a termine. 


Dall'indagine condotta con il sistema "Excelsior" da Unioncamere, in collaborazione con l’agenzia nazionale per Politiche attive del lavoro, è stato possibile elaborare dati sui programmi occupazionali in Campania che, stando alle tavole statistiche, registrerà un ingresso di 33.100 nuovi lavoratori (sui 425.000 registrati su scala nazionale).  

Il settore maggiormente coinvolto è per l’81% quello delle aziende di servizio con meno di 50 dipendenti.

Per quanto riguarda i profili richiesti, il 7% dei posti di lavoro che saranno disponibili a Salerno saranno destinati a profili alti e specializzati: dirigenti, specialisti e tecnici; questa quota è inferiore di 10 punti rispetto alla media nazionale (17%).

L’analisi indica, inoltre, che in 12 casi su 100 le imprese prevedono di avere difficoltà a trovare i profili desiderati e solo il 29% delle proposte di lavoro interesseranno giovani con meno di 30 anni.

Le figure professionali più richieste sono cuochi, camerieri e esperti nei servizi turistici (dove si concentreranno il 49% delle entrate complessive previste.), solo il 5% delle entrate sarà destinato a personale laureato. 
Le imprese che prevedono entrate saranno pari al 14% del totale.

 

Letto 80 volte
Vota questo articolo
(0 Voti)