Treno bruciato abbandonato in stazione: appello all'EAV e al Comune

Treno bruciato abbandonato in stazione: appello all'EAV e al Comune

Da Santa Maria a Vico un appello all'EAV per la rimozione di un treno incendiato e abbandonato in stazione. In una nota dell'Or.S.A. autoferro-Tpl (organizzazione sindacati autonomi e di base) si legge che "il giorno 24 dicembre scorso ci fu un incendio doloso su un treno lasciato in sosta prolungata (leggasi abbandonato) diventato ricettacolo di rifiuti e sede di incontro di tossicodipendenti e di piccoli delinquenti. Oltre un mese è passato e, al di là dello spavento per l'intera popolazione, della forte puzza e del relativo inquinamento atmosferico dovuto all'altissima colonna di fumo nero sprigionatasi dal treno, nulla più poi è stato fatto per rimuovere il rottame rimasto sul posto, sempre più malinconicamente lasciato a marcire".

 

La stazione di Santa Maria a Vico, in provincia di Caserta, già versava in una situazione di abbandono lo scorso mese, prima dell'incendio, ora è peggio, ma quel che più fa rabbia è l'inazione dell'EAV, che nulla fa per migliorare se non il servizio, almeno l'immagine che mostra di se' all'utenza, dando l'impressione di disinteressarsi completamente dei viaggiatori che quotidianamente sono, malgrado tutto, costretti a servirsi del servizio ferroviario che gestisce.

In questa situazione anche il comune di Santa Maria a Vico, continua ad ignorare o a sottovalutare i pericoli potenziali che questo treno, oramai rottame, rappresenta per la popolazione.
Il Sindacato OR.S.A. sollecita l'EAV e il comune di Santa Maria a Vico a trovare una rapida soluzione per rimuovere definitivamente quel treno e per rendere la stazione migliore da tutti i punti di vista, sia sotto l'aspetto del confort che per quello della sicurezza dei viaggiatori.

Letto 153 volte
Vota questo articolo
(0 Voti)