"Eboli legge": in biblioteca con Vincenzo Benvenuto

"Eboli legge": in biblioteca con Vincenzo Benvenuto

Dal supermercato, alla palestra alla biblioteca. Per il suo terzo appuntamento Eboli Legge, il progetto messo in campo dall'amministrazione comunale per il 2018 che promuove la lettura, consolidando gli spazi abituali di fruizione del libro e creandone di nuovi, approda nel luogo della lettura per eccellenza, dopo aver coinvolto contesti non convenzionali. Sarà, infatti, la sala antica della biblioteca comunale “Simone Augelluzzi”, situata nel cuore del centro antico all'interno del complesso monumentale di San Francesco, ad ospitare questa sera la presentazione de “Le dita del comandante”, l'ultimo libro dello scrittore salernitano Vincenzo Benvenuto.

 

Pubblicato da Echos Edizioni nella collana Giallo & Nero, ambientato in un viaggio alla scoperta della verità che tocca Spagna, Africa, Turchia ad altre parti del mondo, senza dimenticare l'Italia nè Salerno, “Le dita del comandante” è un thriller avvincente in cui la devozione dell'autore per la lingua italiana, unita alla capacità della trama di lasciarsi seguire senza difficoltà, rende la lettura fluida ed appassionante. Nel corso dell'appuntamento, insieme all'autore, ne discuteranno Giuseppe Avigliano, libraio e editore, l'assessore all'Istruzione del Comune di Eboli, Angela Lamonica, il sindaco di Eboli, Massimo Cariello.

Partito lo scorso 22 febbraio, il progetto Eboli Legge andrà avanti con altri appuntamenti, nel mese di aprile e di maggio, portando avanti un itinerario di lettura, dalle tappe più o meno usuali, tra generi e stili diversi, alla scoperta di pubblicazioni di case editrici leader nel panorama nazionale ma anche di edizioni indipendenti ed emergenti. Un percorso in cui il libro diventa “bene comune di consumo”, di cui fruire anche al di fuori dei suoi contesti naturali, perchè leggere possa essere sempre più percepito come un gesto naturale: come fare la spesa, nutrirsi, allenarsi in palestra. Un viaggio “dentro, fuori e sopra le righe dei libri” che ha una unica meta, quella di veicolare l'importanza della pratica della lettura, da diffondere presso un pubblico sempre più eterogeneo per target, età, ed interessi.

Queste le prossime presentazioni in programma: venerdì 6 aprile “Lettera d'amore allo yeti” (Mondadori) di Enrico Macioci, ancora una volta presso la biblioteca comunale (ore 18); lunedì 16 aprile “La madre, il maestro, Shakespeare e Dio” (Caffè Orchidea) di Giulia Bracco, al ristorante vineria “Il Panigaccio” (ore 18).

A breve sarà disponibile anche il programma degli appuntamenti legati all'iniziativa nazionale “Il Maggio dei libri” con un intero mese di presentazioni, incontri con autori e reading che interesserà le scuole della città, oltre ad altri luoghi inconsueti, (come il salone del coiffeur ed altri) che si concluderà con la stipula del “Patto per la lettura” che il Comune proporrà a istituzioni pubbliche e soggetti privati che individuano nella lettura una risorsa strategica su cui investire e un valore sociale da sostenere.

Nato da una idea della giornalista Maria Vita Della Monica e sposato con convinzione dall'amministrazione comunale, perchè in linea con una politica adottata e perseguita fin dal suo insediamento, Eboli Legge si pone in continuità con una serie di progettualità relative alla promozione della lettura come strumento di crescita sociale che hanno permesso alla Città di Eboli, dallo scorso anno, di essere decretata “Città che Legge” ed inserita nell'elenco della città italiane che, secondo Il Centro per il Libro e la Lettura e l’ANCI – Associazione Nazionale Comuni italiani, garantiscono ai suoi abitanti l’accesso ai libri e alla lettura.

 

Letto 138 volte
Vota questo articolo
(0 Voti)