«Erano giovani e forti»: Salerno omaggia i suoi caduti

«Erano giovani e forti»: Salerno omaggia i suoi caduti

Ricordare e commemorare i caduti della grande guerra anche attraverso la lettura di documenti e giornali del tempo, toccando con mano cimeli di guerra appartenuti ai soldati salernitani. Con la sottoscrizione di un protocollo d'intesa, anche Salerno aderisce al progetto “Erano giovani e forti – Salerno e i suoi figli nella grande guerra” già in atto nella città di Caserta.

Al circolo ufficiali della caserma “D’Avossa”, sede del reggimento “Cavalleggeri Guide” (19°), ieri l'incontro con il comitato scientifico locale, voluto dal Comune di Salerno nel 2014 per la commemorazione della I Guerra Mondiale, che coinvolge l’Università degli Studi di Salerno- (Ogepo), il Miur- ufficio scolastico provinciale, la Provincia di Salerno, la soprintendenza archivistica per la Regione Campania, l’Archivio di Stato, l’istituto per la Storia del risorgimento italiano, la Società di Storia Patria e all’Archivio Diocesano.

L’iniziativa è tesa a commemorare il sacrificio dei militari caduti negli anni della Grande Guerra. La firma del protocollo ha visto la partecipazione del vicesindaco Eva Avossa e dei rappresentanti degli enti coinvolti: il comandante del reggimento “Cavalleggeri Guide” Col. Andrea Mazzotta, per la provincia il consigliere Pasquale Sorrentino, il direttore dell’Archivio di Stato Renato Dentoni Litta, per la Soprintendenza Giuseppe Battaglia, per l’Università Maria Rosaria Pellizzari, il presidente della Società Salernitana di Storia Patria Giuseppe Cacciatore e Roberto Parrella presidente del comitato di Salerno dell’Istituto del Risorgimento Italiano. Questa è la quarta tappa di un percorso che ha visto ricordare di anno in anno cosa accadeva 100 anni prima, dallo scoppio della guerra navigando indietro nel tempo con l’ausilio di documenti, giornali e tanto altro. Questa tappa, costellata di vari appuntamenti, che vede coinvolto anche il Reggimento “Cavalleggeri Guide” (19°), avrà come riferimento centrale una mostra visitabile dal 24 novembre 2017 al 21 marzo 2018 presso la Pinacoteca Provinciale, che porterà il visitatore nel centro del campo di battaglia, tra cimeli e documenti, di Enti e di privati cittadini, senza dimenticare la realtà della nostra Provincia.

La Mostra
Si terrà dal 24 novembre al 21 marzo, presso la Pinacoteca di Palazzo Pinto, la mostra “Erano Giovani e Forti – Salerno e i suoi Figli nella Grande Guerra”. L’evento nasce dal sodalizio tra l’Esercito Italiano e il Comitato scientifico Comitato scientifico locale per la commemorazione della I Guerra Mondiale voluto dal Comune di Salerno nel 2014 che vede coinvolti l’Università degli Studi di Salerno- OGEPO, il MIUR- Ufficio Scolastico Provinciale, la Provincia di Salerno, la Soprintendenza Archivistica per la Regione Campania, l’Archivio di Stato, l’Istituto per la Storia del Risorgimento Italiano, la Società di Storia Patria e all’Archivio Diocesano. L’iniziativa, ideata per commemorare il sacrificio dei militari caduti negli anni della Grande Guerra, porta l’osservatore nel centro del campo di battaglia, tra cimeli e documenti di Enti e di privati cittadini, senza dimenticare la realtà della nostra provincia. La mostra si inaugurerà venerdì 24 novembre, alle ore 10.30, presso la Sala Bottiglieri di Palazzo Sant’Agostino, per poi raggiungere la sede della mostra, la Pinacoteca di Palazzo Pinto in via Dei Mercati. Orari: dalle 9.00 alle 19.30 tutti i giorni tranne il lunedì. La mostra sarà chiusa l’8 il 25 e il 26 dicembre 2017 e il 1 e 6 gennaio 2018. Il 24 e 31 dicembre l’esposizione sarà aperta dalle 9.00 alle 15.00.

Letto 37 volte
Vota questo articolo
(0 Voti)