Team di studiosi legge i papiri «non aperti» dell'antica Ercolano

Team di studiosi legge i papiri «non aperti» dell'antica Ercolano

Nel 79 dC il Vesuvio scoppiò violentemente, investendo con flussi piroclastici le città romane di Pompei ed Ercolano. L'eruzione è diventata una delle più famose della storia, perché la velocità dei gas caldi colpì persone e cose, preservando nel tempo molte caratteristiche della vita cittadina, tra cui gli individui come macabre still-lifes. Tutto questo fu poi sepolto da una quantità enorme di ceneri che cadevano sulla regioneUna delle scoperte fatte nel 1752 a Herculaneum fu una biblioteca intatta, contenente un gran numero di rotoli di papiro, testi filosofici, molti associati al filosofo Epicureo Philodemus di Gadara. Ora la lettura di questi testi è diventata una sfida davvero significativa.

 

Questa è l'unica libreria completa che è sopravvissuta dall'antichità. E mentre molti dei rotoli furono distrutti dagli operai al momento e dagli scienziati e dagli archeologi più tardi, circa 1.800 rotoli sopravvivono, la maggior parte di loro nel Museo archeologico nazionale di Napoli in Italia.

Durante l'eruzione, i rotoli del papiro sono stati riscaldati in una stanza senza ossigeno, carbonizzata, schiacciata e in alcuni casi parzialmente sciolta. Oggi, molti di loro non sono solo fragili, ma strettamente rotolati, contorti e deformi.

Una vasta gamma di archeologi e di altri scienziati hanno tentato di sfogliarli con vari gradi di successo. Questi ricercatori hanno srotolato circa 800 papiri. Molti sbriciolati, e uno o due persino esplosero durante questo lavoro. E in molti casi in cui il papiro sopravvisse, ogni scrittura visibile si deteriorò rapidamente quando esposto all'ossigeno per la prima volta in quasi 2.000 anni.

Quindi, negli ultimi anni, gli archeologi hanno adottato un approccio più cauto nella speranza che le moderne tecniche di imaging potranno virtualmente srotolare i rotoli e quindi studiare i testi che nascondono.Ma i tentativi finora hanno avuto un successo limitato.

Oggi, Inna Bukreeva all'Istituto di nanotecnologia di Roma, Italia, e alcuni amici dicono di aver apportato miglioramenti significativi al software.
Di conseguenza, hanno sbirciato all'interno di questi rulli aperti con dettagli senza precedenti. "Abbiamo ripristinato per la prima volta parecchie porzioni testuali estese del greco, il più grande mai rilevato finora in rotoli di Papiro di Herculaneum non aperti", dicono.

La tecnica è in linea di principio semplice. La squadra ha iniziato a studiare il rotolo del papiro presso l'European Synchrotron Radiation Facility di Grenoble usando una tecnica chiamata tomografia a fase a contrasto a raggi x. Questo produce una rappresentazione 3-D del rotolo in cui i fogli possono essere identificati e separati, almeno in teoria. La difficoltà è che il software che esegue questo tipo di "sbloccaggio virtuale" lo fa considerando il foglio del papiro in una forma specifica:  un cilindro. Il software di sbloccaggio virtuale praticamente sbuccia questa parte del cilindro dalla massa 3-D di carta e poi lo esamina per segni di scrittura. Questo però non ha funzionato così come i ricercatori avrebbero voluto. Per cominciare, i rotoli sono così distorti e deformati che non seguono la forma di un cilindro. Peggio, l'inchiostro a base di carbonio non si presenta su papiro carbonizzato, almeno non con i raggi x.

Così Bukreeva & co. hanno esplorato manualmente la struttura del papiro cercando regioni in cui questo assunto è pressoché vero. Avendo trovato diverse regioni promettenti, hanno iniziato il processo di unpeeling virtuale. Il vantaggio di questo approccio sta nel fatto che, poiché i fogli si trovano sovrapposti l'uno all'altro, i consecutivi hanno la stessa geometria. Pertanto se la a tecnica funziona per uno strato, dovrebbe funzionare anche per quelli sopra e sotto.

Dopo aver isolato diverse sezioni, il software poi appiattisce questi fogli, consentendo alla squadra di cercare segni di scrittura. Qui la struttura del papiro viene in loro aiuto. Il materiale stesso è costituito da fibre di papiro trasversali che formano una griglia perpendicolare. Se la squadra presume che questa griglia deve essere stata originariamente regolarizzata, allora ogni distorsione visibile deve essere il risultato della piegatura e della torsione e schiacciamento del rotolo del papiro.

Quindi il software può appiattire virtualmente il foglio "distruggerlo" in modo tale da ricreare la griglia regolare originale del tessuto del papiro. Infine, la squadra è oggi in cerca i segni di scrittura, sperando che le regioni centrali del papiro siano meglio preservate rispetto all'esterno carbonizzato. Ma possono anche cercare tracce del processo di scrittura, quale rivelazione della tomografia a contrasto a raggi x. Per testare la loro tecnica, la squadra ha creato il proprio campione di prova arrotolando un foglio di papiro moderno, poi riscaldandolo e schiacciandolo. Certo, sono stati in grado di sbucciarlo e rivelare il testo originale che avevano scritto utilizzando un raggi x e il software di peeling virtuale. Ciò ha dato loro speranza che la tecnica avrebbe funzionato sui papiri antichi.

Per questo il team di studiosi ha creato immagini radiografiche 3D di due papiri chiamati PHerc 375 e PHerc 495. I risultati hanno portato ad una scoperta interessante.: " Per la prima volta sono state individuate diverse porzioni testuali fino a quattordici righe, il più grande mai rilevato fino ad ora nei rulli di papiro non aperti", afferma Bukreeva e co.

Questo è un lavoro affascinante che apre la strada ad altre esplorazioni virtuali. Come ha affermato Bukreeva e co: "L'ottimizzazione e l'automatizzazione della procedura di sviluppo virtuale aprono nuove prospettive in questa direzione, che potrebbero produrre un futuro passo avanti nella nostra conoscenza e comprensione dell'antica filosofia e della letteratura classica".
technologyreview.com

 

Letto 340 volte
Vota questo articolo
(0 Voti)