«Father and Son»: il primo videogioco prodotto da un museo

«Father and Son»: il primo videogioco prodotto da un museo

E' iniziato il conto alla rovescia: il MANN, uno dei piu' importanti siti d'arte al mondo, con le sue straordinarie collezioni provenienti da Pompei ed Ercolano, con la collezione Farnese e quella Egizia, e' il primo museo archeologico a produrre un videogame destinato al pubblico internazionale di tutte le eta'. "Father and Son", videogioco realizzato in inglese e italiano, sara' rilasciato gratuitamente e senza contenuti pubblicitari a marzo 2017 su Apple Store e Google Play.


Il Museo Archeologico Nazionale di Napoli avra' un ruolo cruciale nella storia del gioco, con le sue celebri opere e l'architettura dei suoi luoghi, divenendo fulcro di piccole e grandi storie attraverso il tempo. Tre chilometri di strade napoletane sono state disegnate a mano per la realizzazione del videogioco. Dieci i personaggi che si potranno incontrare. Da oggi e' on line il sito ufficiale www.fatherandsongame.com dove il visitatore potra' visualizzare un'anteprima dei contenuti del videogioco nonche' inviare una lettera ad una persona a lui cara. Un'idea di interazione che si ricollega all'incipit ed alla copertina attuale del gioco: un padre che invia una lettera al figlio. Sono state attivate anche la pagina FB (https://www.facebook.com/fatherandsongame) ed il profilo Twitter (https://www.twitter.com/FatherandSonVG) del gioco.

"L'ideazione di un videogame che abbia come contenuto il Museo Archeologico Nazionale si deve al Prof. Ludovico Solima - spiega Paolo Giulierini, direttore del MANN -mentre la sua realizzazione a Fabio Viola. Ci permette di raggiungere uno degli obiettivi fondanti del Piano Strategico: la connessione con il pubblico, sia quello che visita il museo sia quello virtuale. In tutto il mondo si potra' interagire con i contenuti storici del nostro Istituto e della citta' di Napoli attraverso questo peculiare strumento, che ormai va annoverato tra le nuove forme d'arte, non si puo' che essere soddisfatti della nostra disseminazione culturale".

I contenuti del videogioco sono stati ideati di concerto con il direttore del MANN Paolo Giulierini e con il prof. Ludovico Solima (Universita' degli Studi della Campania "Luigi Vanvitelli"), che ha contribuito alla redazione del "Piano Strategico 2016-2019" del Museo, nel quale era stata gia' indicata l'esigenza di arrivare a nuovi pubblici attraverso la tecnologia e la rete, in una prospettiva di audience engagement, cioe' di coinvolgimento attivo del visitatore.
Il Mann nel 2017 punta infatti a raggiungere i 500mila visitatori, traguardo sfiorato nel 2016, anno in cui si e' registrato un significativo incremento di presenze (452.736 ingressi), con un + 30% circa rispetto all'anno precedente. 

 

 

Letto 626 volte
Vota questo articolo
(0 Voti)