Alcol: quanto influisce sulla personalità? La risposta arriva dal Missouri

Alcol: quanto influisce sulla personalità? La risposta arriva dal Missouri

Bere cambia la nostra personalità, ma meno di quanto si pensi. Ciò che muta nel nostro carattere ed è visibile agli altri è quello che i ricercatori chiamano il fattore "estroversione". A scoprirlo un team di studiosi dell’università del Missouri con una ricerca pubblicata sulla rivista Clinical Psychological Science.

Insomma potresti pensare che tu sia un ubriaco medio, o un divertente ubriaco, o anche un ubriacone, ma altre persone ti vedono in questo modo? Un nuovo studio degli psicologi dell'Università del Missouri ha scoperto che molti dei cambiamenti dell'umore che sperimentiamo a causa dell'alcool non sono sempre così evidenti agli altri - nonostante ciò che possiamo pensare.

Rachel Winograd, psicologo clinico presso l'Istituto di Salute Mentale del Missouri e colleghi hanno voluto comprendere la discrepanza tra il modo in cui ci vediamo e come gli altri ci vedono, quali effetti si hanno sull'umore con l'assunzione di alcool. Hanno quindi condotto uno studio sugli evidenti cambiamenti di personalità indotti da alcool e come osservatori esterni hanno esaminato 156 partecipanti, tra cui 21 studenti universitari, insieme a bere vodka e sprites nel loro laboratorio per $ 10 all'ora.
Attraverso un questionario, diffuso due settimane prima della prova ai partecipanti che hanno auto-segnalato i loro tipici tratti di personalità sia da sobri e sia ubriachi, i ricercatori hanno avuto modo di raccogliere informazioni, come il riunire gruppi di amici seduti insieme, somministrando bevande alcoliche ad una parte, mentre all'altra solo Sprite e attraverso una serie di giochi sulla personalità, compresa la competitività e l'impulsività, hanno dimostrato che per due volte in partecipanti hanno riferito su cambi d'umore dovuti all'alcol.

I circa 30 assistenti di ricerca hanno osservato i video e hanno valutato i cambiamenti della personalità. Secondo la relazione, pubblicata in Scienze Cliniche Psicologiche, gli effetti dell'alcol erano talvolta ovvi e talvolta completamente invisibili. In particolare, i cambiamenti percepiti in ciò che gli psicologi chiamano tratti "extraversion" erano uguali sia per il bevitore che per l'osservatore. Ma questi erano gli unici spostamenti apparenti agli osservatori. Ad esempio, gli osservatori non sono stati in grado di vedere cambiamenti nella coscienziosità. "I partecipanti sembravano molto colpiti dall'alcol", dice Winograd, "mentre gli osservatori non hanno percepito tali cambiamenti drastici". Solo i cambiamenti nei tratti di estraversione erano abbondantemente evidenti agli osservatori.

I risultati forniscono utili conoscenze per le persone che si preoccupano di come sembrano agli altri quando beve. "Quello che pensiamo di noi stessi non può sempre essere quello che gli altri vedono", dice Winograd, "in meglio o in peggio".
Fonte: Newsweek

 

Letto 160 volte
Vota questo articolo
(0 Voti)