Esenzione ticket sanitari: ci si può rivolgere al patronato

Esenzione ticket sanitari: ci si può rivolgere al patronato

Saranno i patronati a raccogliere i documenti per l'esenzione dal pagamento dei ticket sanitari, lo stabilisce una delibera firmata dal direttore generale dell’Asl Salerno, Antonio Giordano, su iniziativa della Cisl di Salerno.


Un grande risultato a sostegno dei cittadini ma anche delle strutture amministrative dei distretti sanitari dell’Asl di Salerno- così si legge nella nota diffusa oggi dalla Cisl- si eviteranno così disagi per i cittadini, specie le persone anziane, fatti di lunghe e stressanti code ed attese agli sportelli dei distretti sanitari".
"La delibera, infatti, autorizza 12 patronati che, in seguito al bando di evidenza pubblica, hanno richiesto l’autorizzazione a raccogliere e trasmettere all’Asl - gratuitamente - le domande autocertificate per la richiesta di esenzione dal pagamento dei ticket sanitari.
Negli anni passati si è assistito a scene indecorose di migliaia di utenti agli sportelli, con il conseguente stress organizzativo da parte degli impiegati dei distretti sanitari.

Inoltre tale condizione aveva anche determinato indicazioni approssimative e non riflettute sulla scelta del codice di esenzione, ragione per la quale - a distanza di tre anni - l’Asl ha richiesto la restituzione delle somme esentate per le prestazioni sanitarie e farmaceutiche.
“Questa scelta sgrava le strutture amministrative dell’Asl, garantisce maggiormente gli utenti dal rischio di errori e, vista la diffusione territoriale delle sedi del Patronato, evita, soprattutto alle persone anziane, di spostarsi dai piccoli paesi periferici per raggiungere gli uffici distrettuali dell’Asl”, hanno spiegato Gerardo Ceres, segretario generale della Cisl Salerno, e Pietro Antonacchio, segretario generale della Fp Cisl Salerno. “Questo sarà un buon esempio di sussidiarietà che assicurerà qualità, efficienza e tutela per i cittadini. Come Cisl di Salerno, attraverso il nostro patronato, l’Inas Cisl, assicureremo la massima e capillare diffusione di questa opportunità che verrà offerta ai cittadini della provincia di Salerno”.

Letto 223 volte
Vota questo articolo
(0 Voti)