Decapitati i clan di Torre del Greco: dodici donne al posto dei boss, presi due marsigliesi e un prestanome

Donna camorrista arrestata

TORRE DEL GRECO (NA)- Ci sono anche due cittadini francesi di Marsiglia tra i 48 destinatari dell'ordinanza di custodia cautelare eseguita all'alba dai carabinieri nel Napoletano. Un provvedimento che ha azzerato i vertici ancora in libertà dei clan Falanga, Di Gioia e della frangia `scissionista' dei Di Gioia attivi a Torre del Greco e degli Amato-Pagano del quartiere partenopeo Secondigliano.

 

 

Le accuse sono associazione di tipo mafioso, omicidio volontario, associazione per delinquere finalizzata al traffico e allo spaccio di sostanze stupefacenti, aggravati dal carattere transnazionale dell'illecita attività, estorsione aggravata dal metodo mafioso, intestazione fittizia e trasferimento fraudolento di beni nonché riciclaggio. Le indagini, condotte dal Nucleo investigativo del Gruppo di Torre Annunziata, sono state avviate nel giugno 2009 all'indomani dell'agguato mortale nei confronti di Gaetano Di Gioia detto `o tappo', capo storico dell'omonimo clan ucciso il 31 maggio con sette colpi di pistola. L'uomo era in auto con il figlio Isidoro, scampato alla morte, e la sua uccisione segnò la scissione dell'organizzazione criminale ordita dagli stessi elementi di vertice del clan scontenti della gestione economica del clan. Le investigazioni, coordinate dalla Dda partenopea, hanno fatto luce su una serie di reati perpetrati sul territorio, dal traffico di stupefacenti, alle estorsioni fino al reinvestimento dei capitali illeciti in aziende e appartamenti.

Il provvedimento cautelare ha portato all'arresto di 12 donne, tra cui le mogli di Giuseppe Falanga e Gaetano Di Gioia e le due consorti di Isidoro Di Gioia, mentre per 27 indagati la misura restrittiva è stata notificata in carcere. Di fatto è stata azzerata la struttura criminale attiva nell'ultimo ventennio a Torre del Greco, colpendo i tre clan camorristici che si sono succeduti nel tempo, vessando commercianti e imprenditori con attività estorsive `a tappeto', sottoponendoli anche al doppio racket e gestendo il traffico internazionale di sostanze stupefacenti nonché le piazze di spaccio.

Tra i destinatari dell'ordinanza cautelare c'è anche Giuseppe Falanga, detto `Peppe o' struscio', elemento di vertice dell'omonimo clan attivo a Torre del Greco già dal 1989 quando la famiglia si aggregò a personaggi criminali di Torre Annunziata e a pregiudicati locali come Gaetano Di Gioia che, nel 2007, assunse il comando del clan, modificando il nome in Di Gioia, dopo l'arresto di Falanga e di altri affiliati.

Rispetto, poi, al traffico di droga, l'indagine ha consentito di individuare i canali di approvvigionamento della cocaina e dell'hashish, importati dalla Spagna - ha reso noto il procuratore aggiunto di Napoli, Rosario Cantelmo - grazie ai due narcotrafficanti del gruppo francese dei `marsigliesi'. Sono stati accertati, inoltre, collegamenti `trasversali' tra i due gruppi torresi e gli Amato-Pagano di Secondigliano, mediati dai cosiddetti `Bastone', attivi nell'area a nord di Napoli. E proprio i `Bastone' rifornivano di marijuana le piazze di spaccio di Torre del Greco.

In manette anche Ciro Giannini, imprenditore del settore edile, ritenuto dagli investigatori il `riciclatore' degli affari illeciti del clan e intestatario fittizio di alcuni beni sequestrati nel corso dell'operazione di oggi.
(foto: newfotosud da ilmattino.it)

 
omissis

bebè

DOWNLOAD FREE

CLICCA per scaricare:

            logo picasa large

                  iTunes-Apple-logo
Real Player

newsboy

ALBERO GIORNALI

banner coni x eolo

 234 visitatori online
Trova nel giornale

Facebook-Like-logo
Clicca "MI PIACE"
sulla nostra Pagina 

Piano rifiuti: Campania premiata da Legambiente e Federambiente

Un premio alla Regione Campania da Legambiente e Federambiente per il piano di prevenzione e riduzione dei rifiuti attraverso metodi e strumenti... Leggi tutto...
'Brigataes', l'artista più grande del mondo in mostra a Napoli

NAPOLI- La notizia è di quelle sconvolgenti e potrebbe ridefinire tutti i concetti della scienza e della filosofia, sovvertendo i termini stessi... Leggi tutto...
La Napoli del '400 nella "Gran Giostra dei sedili": due giorni di tornei e sfilate

  NAPOLI- Mancano circa tre mesi all’evento rinascimentale che si terrà nella cornice storica di Piazza del Plebiscito, ma i preparativi... Leggi tutto...
A Londra le tipicità campane per "Expo e territori"

L'ambasciata italiana a Londra, in collaborazione con la Camera di Commercio italiana per il Regno Unito e l'Agenzia nazionale del Turismo, presenta... Leggi tutto...
"La cultura della memoria: il caso di Campagna, storie di sopravvissuti", se ne discute a Portici

PORTICI (NA)- Il 10 giugno 1940 l’Italia entra in guerra. Qualche mese dopo, Mussolini firma un decreto con cui vengono istituiti i primi 43... Leggi tutto...

“La verità, quando incombe 
il pericolo, deve essere 
predicata pubblicamente,
né deve farsi il contrario
per il fatto che alcuni
se ne scandalizzano”. 
San Tommaso D'Aquino

creative writing

MUSICA dal WEB
24 ORE SU 24